martedì 23 ottobre 2012

Teaser Tuesdays #25



Teaser Tuesdays  è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading. Consiste nel prendere il libro che si sta leggendo, aprirlo in una pagina a caso e condividere un passo tratto da quella pagina. Io, però, ho deciso di non seguire la regola della "pagina a caso", ma sceglierò la citazione personalmente (senza fare spoilers, promesso!).

Buongiorno a tutti! Ecco il teaser di oggi:
Alla luce della luna ispeziono il contenuto del cestino da picnic che giace ai miei piedi.
Quattro lattine di gazzosa?
Ci sono.
Forchette e coltelli di plastica?
Ci sono.
Piatti di plastica?
Ci sono.
Tovaglioli di carta?
Ci sono.
Manette (se le cose dovessero mettersi male)?
Ci sono.
Catena da caviglia (se le cose dovessero mettersi molto male)?
Ci sono.
Accetta (se le cose dovessero mettersi molto, ma molto male)?
C'è.
Cervelli freschi?
Ovvio.
Sorrido, richiudo il cestino stringendo bene le cinghie, e gli do un colpetto finale sopra. Le nuvole coprono la luna, ma grazie alla mia nuova supervista da zombi, ebbene sì, riesco ancora a vedere bene. (Be', a dire il vero, ogni cosa vira un tantino sul...giallo. Poco male, dopo un po' ci si abitua.)

[da Gli zombi non piangono di Rusty Fischer]

Se volete partecipare anche voi, lasciate il vostro teaser nei commenti! Buone letture!

8 commenti:

  1. Ma solo io non riesco a trovarlo da nessuna parte!?
    Mah... la sfiga mi perseguita.

    Il richiamo della sirena di Tricia Rayburn:

    Bussai una volta. Due. Tre volte.
    [...]
    Come la camera da letto, il bagno era illuminato dolo da una lampada da notte. Ma non c'era bisogno di altra luce per capire che non stava bene, che ero arrivata troppo tardi.
    Il corpo immobile di [...] era tenuto sott'acqua da pesanti fermaporta di ferro posati sullo stomaco, sulle braccia e sulle gambe. La sua pelle era bianca, le labbra viola. L'acqua scorreva nella vasca straripante, facendo ondeggiare i capelli intorno al suo viso gonfio.

    Neanche a farlo a posta ho beccato un pezzo spoileroso... >.>"

    RispondiElimina
  2. Rhea amava tutto della sfera di cristallo,ma in special modo amava l'infallibilità con cui le mostrava il lato peggiore della gente. Mai nel suo roseo bagliore aveva visto un bambino consolarne un'altro dopo una caduta durante il gioco o un marito stanco con la testa nel grembo della moglie o due anziani cenare pacificamente insieme alla fine del giorno;sembrava proprio che scenette idilliache come quelle suscitassero per la sua palla lo stesso interesse che provava lei.

    Stephen king.Saga della torre nera. vol.IV la sfera del buio.

    gli zombie non piangono sarà la mia prossima lettura!!!

    RispondiElimina
  3. Lo sguardo le cadde sulle sue labbra. Oh,non doveva guardarlo. Decisamente no. Ma il danno era fatto e ora non riusciva a staccargli gli occhi di dosso. "Già"disse lui,senza che gli fosse stata rivolta alcuna domanda. La guardò un attimo poi fece con la mano lo stesso gesto plateale che gli aveva visto eseguire quando aveva fatto comparire dal nulla la ciabatta che le mancava. In un istante,i jeans e la maglietta erano spariti e al loro posto indossava un paio di pantaloni di lana neri,stivali con i tacchi a spillo che sembravano fatti su misura,un maglione di cashmere verde scuro e un cappotto dello stesso tessuto,di un verde ancora più scuro. A bocca aperta,si passò le mani sulle braccia,la vita e le cosce. Uno strano suono attrasse la sua attenzione le fece alzare di scatto la testa verso Dain: si accorse che la guardava,gli occhi socchiusi,bramosi. Quell'espressione le ricordò il modo in cui l'aveva toccata sulla terrazza ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tratto da Le ombre del demone di Eve Silver

      Elimina
  4. Devo decidermi a iniziare uno di questi libri sugli zombie o_O

    RispondiElimina
  5. A me è piaciuto proprio questo libro, leggero, per nulla banale e con quell'ironia pungente che non gusta! Consigliato assolutamente :)
    http://lamiapassioneilibri.blogspot.it/2012/10/recensione-gli-zombi-non-piangono.html

    Il mio teaser è da Shadowhunters - Città delle Anime Perdute:

    Clary si girò di nuovo verso la Regina, che la guardava con sguardo impaziente. -Allora dire che abbiamo un accordo.
    La Regina si stiracchiò e sul viso le comparve una sorriso soddisfatto. -Arrivederci, giovani Shadowhunters. Ma prima un monito, benchè non abbiate fatto nulla per meritarlo. Ponderate con attenzione l'opportunità di dar la caccia al vostro nemico. Perchè accade sovente, con ciò che viene perso e ritrovato, che lo si scopra diverso da come lo si era lasciato...

    RispondiElimina
  6. Tu si che ti sei dato alla halloween attitude! ^^

    Il mio teaser per te:
    "«Cosa avete intenzione di fare?»
    «Aprire la bara. Voi presto sarete convinto.» E immediatamente ha cominciato a togliere le viti, alzando poi il coperchio, per mostrare la bara impiombata all'interno. Quella vista è stata troppo per me. Mi sembrava un affronto alla morta, quasi come strapparle gli abiti nel sonno da viva; gli ho afferrato la mano, per fermarlo. Si è limitato a dire «Voi vedrete» e poi. frugando di nuovo nella borsa, ne ha estratto un seghetto. Piantando con forza il cacciavite nel piombo, con un colpo veloce e deciso, che mi ha dato i brividi, ha praticato un piccolo foro, sufficiente a infilarci la punta del seghetto. Mi aspettavo una zaffata di gas dal corpo in decomposizione. Noi dottori, che abbiamo imparato a prendere in considerazione i pericoli, siamo abituati a queste cose: per questo mi sono allontanato verso la porta. Ma il professore non si è fermato neanche un attimo: ha segato per una cinquantina di centimetri un lato del coperchio di piombo, e poi perpendicolarmente e ancora lungo l'altro lato. Afferrando quindi il bordo di quel lembo lo ha piegato verso i piedi della bara, e tenendo sollevata la candela sopra l'apertura mi ha invitato a guardare.
    Mi sono avvicinato e ho guardato. La bara era vuota."
    (Dracula - Bram Stoker)

    è un passaggio che letto qualche giorno fa, ormai sono quasi alla fine...che libro..:-)

    RispondiElimina